E’ il giorno dei funerali della giovanissima Elisa Caressa, appena 14enne, morta nell’incidente stradale avvenuto domenica sera sulla vecchia Strada Statale 16 tra Trani e Bisceglie. Le esequie si svolgeranno all’interno della Parrocchia Angeli Custodi a Trani nel pomeriggio. Ieri, all’interno della Medicina legale del Policlinico di Bari, si è svolta l’autopsia sul corpo della giovane i cui risultati si conosceranno non prima di trenta giorni. La procura di Trani, nel frattempo, ha iscritto nel registro degli indagati tre persone per il reato di omicidio stradale: i conducenti delle due auto coinvolte nell’incidente ed il minorenne, non ancora 18enne, che era alla guida della moto su cui c’era anche la 14enne. Obiettivo è quello di fare piena luce sulla tragedia ed accertare eventuali responsabilità. Restano comunque stabili le condizioni del minorenne, non più in pericolo di vita, la cui posizione è stata stralciata per competenza alla Procura dei minori di Bari.

Anche la sua testimonianza potrebbe aiutare gli inquirenti a ricostruire quanto accaduto domenica sera. I due giovani si stavano recando in moto, in compagnia di amici, nella vicina Bisceglie, da una prima ricostruzione. Arrivati all’altezza del lido Matinelle, il mezzo avrebbe impattato con una monovolume. Così i ragazzi sono caduti sull’asfalto, con la 14enne che è stata sbalzata sull’altra corsia. Per una tragica fatalità, in quel preciso istante, dalla parte opposta è arrivata una seconda autovettura che ha investito in pieno la giovane. Inutile purtroppo l’intervento degli operatori del 118: quando è arrivata l’ambulanza, la ragazzina era già morta.