Tentano di rapinare una coppia di anziani: due malviventi fuggono a mani vuote

I due pensionati avevano appena riscosso la pensione presso l’Ufficio Postale

Probabilmente i malviventi hanno cominciato a pedinarli sin dall’uscita dell’ufficio postale. Poi li hanno seguiti fin dentro la loro abitazione dove, con le minacce, hanno tentato di impossessarsi dei soldi della pensione, fortunatamente senza successo. Brutta avvenuta quella vissuta da una coppia di anziani tranesi, finita nel mirino di due rapinatori, non ancora identificati.

In base ad una prima ricostruzione fatta dai Carabinieri, che stanno conducendo le indagini, le vittime, dopo aver ritirato la pensione presso l’ufficio di Poste Italiane di Corso Manzoni, sarebbero saliti su un mezzo pubblico per fare ritorno a casa, nei pressi di via Grecia. A tenerli d’occhio, presumibilmente per l’intero tragitto, due giovani malviventi.

Una volta arrivati a destinazione, gli anziani si sono diretti verso l’abitazione, senza accorgersi di essere seguiti. Almeno sino a quando non sono arrivati nell’androne del palazzo, dove i rapinatori (non armati) avrebbero sorpreso gli anziani coniugi alle spalle, costringendoli ad entrare nell’appartamento. Le urla terrorizzate delle vittime hanno fortunatamente richiamato l’attenzione di un vicino di casa che, intuendo che all’interno della abitazione stava accadendo qualcosa di spiacevole, ha cominciato a suonare il campanello e a bussare insistentemente alla porta.

Tanto è bastato per mandare all’aria il piano dei malviventi, che si sono allontanati dall’abitazione a mani vuote, fingendosi conoscenti della coppia e chiedendo al vicino di prestare soccorso agli anziani poiché avevano avuto un malore.

Per i pensionati, la brutta avventura si è conclusa fortunatamente senza gravi conseguenze, mentre nel frattempo è scattata la caccia ai due giovani rapinatori. Un aiuto alle indagini potrebbe arrivare dai filmati registrati da alcune telecamere di videosorveglianza installate nella zona, che sono tuttora al vaglio dei militari.