Venerdì 27 maggio presso la palestra scoperta della scuola “Battisti-Ferraris” di Bisceglie si è tenuta la cerimonia di premiazione del Concorso letterario “Io e te raccontiamoci. Andare oltre la fragilità”: una grande giornata trascorsa da ragazzi e professori partecipanti tra amicizia e solidarietà, gioia condivisa e riflessione su come superare le barriere interpersonali.

Il Concorso è stato indetto, meritoriamente, dall’Ambito Territoriale n. 5 Trani Bisceglie all’interno del percorso di sensibilizzazione in favore dell’inclusione sociale e culturale promosso dalle amministrazioni comunali di entrambe le cittadine della Bat, e ha visto la calorosa adesione dei due sindaci, Amedeo Bottaro e Angelantonio Angarano, del Dirigente dell’Ambito dott. Attolico, degli assessori Alessandra Rondinone e Fabrizio Ferrante (Trani), Loredana Bianco e Roberta Rigante (Bisceglie), i quali hanno sottolineato che l’iniziativa vuole rappresentare un “continuo e attento percorso di welfare di una polis sensibile e vicina alla crescita di ogni Persona, soprattutto dei più fragili”.

La selezione dell’elaborato compiuta dalla Giuria del Concorso è stata particolarmente ardua, perché i lavori hanno toccato le grandi corde della sensibilità degli alunni delle scuole medie di I grado, votate all’inclusione di tutte le diversità, senza tralasciare una riflessione sulla realtà odierna, la questione ambientale su tutte. Solo una società davvero accogliente può superare ogni forma di crisi e prosperare nel “ben-essere”.

Il primo premio è andato al racconto redatto collettivamente dagli alunni della 1^ P della Scuola secondaria “Baldassarre” di Trani dal titolo “La stella più bella dell’Universo”

Prof. Francesco L’Erario