Negli ultimi mesi la pressione sull’Amministrazione tranese era aumentata. Testate giornalistiche, associazioni, movimenti, singoli cittadini. L’opinione pubblica tranese insomma non è rimasta indifferente o indolente rispetto a due problemi che hanno assunto dimensioni considerevoli negli ultimi tempi: lo stato delle strade, ma soprattutto la gestione del verde.

Proprio ieri diversi cittadini avevano pubblicato foto di erbacce alte già cresciute presso il parco di via delle Tufare, recentemente inaugurato. Tra post, esposti e articoli le “Segnalazioni”, che ormai sembrano aver assunto la dimensione di vera e propria categoria politica, si sono moltiplicate e pure Trani News 24 City ha dato il suo contributo.

Nelle ultime ore siamo però riusciti a raccogliere informazioni utili per tutti i cittadini e lettori che hanno a cuore le questioni trattate, consapevoli che non bisogna fermarsi alla semplice segnalazione ma bisogna informare anche sulle imminenti soluzioni che abbiamo preteso e stiamo per ottenere dalla politica.

Ma andiamo per ordine: per quanto riguarda la gestione del verde pubblico abbiamo saputo che nei prossimi giorni, già forse domani (venerdì) sarà emesso il nuovo bando per l’affidamento dei lavori. Sfalciamento di erbacce, cura delle aiuole e tutto quello che riguarda la cura di questo settore, attraverso un bando molto più ampio rispetto al passato, perché frutto di un nuovo “monitoraggio”, che tiene conto di altre e nuove zone “verdi” meritevoli di attenzione.

Il vecchio censimento, che abbiamo visionato insieme a quello nuovo, comprendeva un raggio d’azione più ristretto e non teneva conto di altri luoghi “verdi” istituiti in questi anni. Un’operazione a 360 gradi che, col nuovo bando ed il nuovo affidamento, dovrebbe mettere fine alle tante “falle” degli ultimi tempi. Per il parco di via delle Tufare sarà la stessa azienda che ha svolto i lavori di realizzazione, a provvedere allo sfalciamento delle erbacce formatesi in questi giorni.

Novità anche per il rifacimento delle strade. Stanno infatti per essere messi a frutto i duecento mila di euro stanziati per il rifacimento totale (con manto completo e non con rattoppi) per varie strade tranesi. Pensiamo, fra le altre, a via Cilea, tanto per fare un esempio tra quelle più “martoriate” e popolose.

Ora che il caldo è arrivato si potranno svolgere dei lavori più completi e sicuri per il rifacimento del manto stradale. Inoltre si è atteso che i vari enti (compagnie telefoniche, Acquedotto ed altre) completassero negli scorsi mesi i propri lavori, forieri di continue rotture, per poter poi iniziare un lavoro completo e definitivo. Il lavoro di questi mesi di cittadini e giornalisti sembra ora giunto al momento di raccogliere i frutti. Restiamo vigili.