Reati ai danni di operatori agricoli, preoccupa il numero particolarmente elevato e, per questo, il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, ha assunto l’iniziativa di coordinare  le  associazioni  di categoria  e gli Uffici  inquirenti al fine di ottimizzare I’ attività repressiva dei reati.

Estorsioni,   rapine,  furti,  danneggiamenti, sono tutti reati che destano allarme sociale tra gli operatori del settore e a chi non opera nelle campagne. Con la  collaborazione delle categorie interessate, ha spiegato il procuratore Volpe, è possibile organizzare protocolli investigativi che migliorino gli esiti dell’ attività repressiva.

Con  tale  finalità  si  è  riunito  questo  pomeriggio,  presso  gli  uffici  della  Procura  di  Bari,   un  gruppo  di rappresentanti  delle  categorie  interessate,  ai  quali  i Procuratori  della  Repubblica di  Bari  e  Trani  ed  i magistrati delegati per le speciali indagini hanno rappresentato la volontà di addivenire alla stipulazione di un protocollo  d’  intesa  di legalità  tra le  categorie  di operatori  agricoli  e gli Uffici  di procura,  che per parte loro stanno  organizzando   pool  di  magistrati  ed  ufficiali  di  polizia  giudiziaria  dedicati  alle  specifiche  attività inquirenti di settore.

«E’ intendimento delle Procure,  ampiamente  condiviso  dai rappresentanti  di categoria  che hanno  partecipato all’ incontro,  impiegare energie  investigative umane e tecnologiche  volte a reprimere i    gravi reati che nelle campagne  vengono  perpetrati, rendendole  insicure ed ingenerando timori negli operatori del settore. Con I’ auspicio che vengano incoraggiate le denunce delle parti offese, assistite dalle organizzazioni che le rappresentano».

All’ incontro erano presenti Felice Ardito (Presidente Regionale CIA levante  BARI/BAT), Domenica Piarulli Lorusso (vice presidente provinciale  CIA levante BARI/BAT), Pietro  Piccioni (Direttore Regionale Coltivatori Diretti Puglia), Luca Lazzaro (Presidente Regionale Confagricoltura  Puglia), Pasquale Mastrandrea (presidente Assoproli-Bari), Alfonso Guerra (Copagri Puglia).

Seguirà a breve altro incontro per la sottoscrizione del protocollo.