In seguito alle proposte lanciate nei giorni scorsi, il candidato sindaco della coalizione civica “Trani Governa”, Tommaso Laurora, ha pubblicato un appello attraverso i social, contenente le misure anti-crisi per fronteggiare l’emergenza Coronavirus:

«Si tratta di proposte finalizzate a ridurre l’impatto della tassazione comunale sui cittadini e a sostenere, economicamente, famiglie ed imprese nei difficili mesi che verranno. Per la Tari, la tassa sui rifiuti, viene richiesto un taglio del 20% e il rinvio della rata di maggio a dicembre, con possibilità di rateizzazione in 5 rate, senza interessi. Si richiedono, inoltre, più agevolazioni, con l’aumento del fondo da 200 a 300 mila euro ed il contestuale prolungamento del termine ultimo per la presentazione delle domande al 20 aprile.

Laurora chiede poi un taglio netto del 50% della Tosap, la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche che riguarda principalmente bar, american bar, ristoratori, pub e venditori ambulanti, alcune tra le categorie più colpite al momento. Si propone anche il rinvio dell’accertamento e del pagamento al 30 settembre, con la possibilità di rateizzazione in 5 rate, senza interessi.

Per i capannoni industriali, attività produttive e non e tutti gli immobili strumentali di categoria C1, è richiesto il rinvio del pagamento dell’IMU dal 16 giugno al 16 dicembre, con possibilità di rateizzazione in 5 rate, senza interessi. Viene proposta la sospensione dei pagamenti dei canoni d’uso per le associazioni/società sportive che utilizzano le strutture comunali in assenza delle rispettive attività sportive.

Infine, allo scopo di facilitare gli spostamenti per le strettissime necessità, viene richiesta la sospensione del pagamento della sosta sulle strisce blu fino al cessare dell’emergenza.

Questo il mio appello. Sosteniamo cittadini, famiglie, professionisti, imprenditori, artigiani e partite IVA. Meno tasse, più futuro. Solo insieme ce la possiamo fare», conclude Laurora.