Magistrati arrestati: avvocatessa in lacrime davanti al Gup di Lecce

Magistrati arrestati: avvocatessa in lacrime davanti al Gup di Lecce

Si tratta di Simona Cuomo, tra i dieci indagati dell’inchiesta

Slittano a lunedì 16 settembre le dichiarazioni di Michele Nardi, ex Gip di Trani arrestato lo scorso gennaio con l’ex collega Antonio Savasta e l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro nell’inchiesta della Procura di Lecce sul cosiddetto ‘sistema TRANI’, e accusato di essere capo, promotore e organizzatore dell’associazione a delinquere che truccava i processi al Tribunale di Trani.

L’udienza preliminare davanti al Gup di Lecce Cinzia Vergine è stata occupata oggi dall’esame e contro esame dell’avvocatessa barese Simona Cuomo, interdetta dalla professione per un anno, tra i dieci indagati dell’inchiesta. La professionista, accusata di associazione a delinquere per avere dato “veste legale alle iniziative dell’imprenditore Flavio D’Introno” mediando con Savasta e Nardi, ha respinto ogni addebito cedendo più volte alle lacrime, durante il contro esame del pubblico ministero Roberta Licci.

La conclusione dell’esame è fissata per la giornata di lunedì, per poi procedere con le dichiarazioni spontanee annunciate da Nardi.