Tre lunghezze dai playoff: la Vigor Trani ci spera puntando sulla forza del collettivo

I numeri dalla parte di Scaringella: 26 punti in 17 partite

Qualità. E’ questa l’arma sulla quale fa leva la Vigor Trani per rilanciare la corsa playoff dopo l’1-1 casalingo ottenuto domenica tra le polemiche arbitrali all’indirizzo del signor Recupero della sezione di Lecce, per un tocco di mano che ha impedito il possibile 2-0 a Negro, al Comunale contro il San Severo. Non il miglior modo per onorare l’apice di una settimana in cui il calcio cittadino aveva celebrato i 90 anni di storia, con oltre 2500 partite di campioanto all’attivo: Mister Giuseppe Scaringella, subentrato a inizio ottobre a Giuseppe Sangirardi e capace di ottenere 26 punti in 17 partite nel corso della sua gestione tecnica, di cui 8 nei primi 5 incontri del 2019, punta su una difesa che – al netto della debacle interna contro il Brindisi, lo 0-3 condizionato anche dall’espulsione del portiere Petranca – ha trovato le giuste chiavi per la propria serratura in questo 2019 e sta sostenendo la risalita dei biancoazzurri. I play-off sono ancora alla portata, è la certezza dell’allenatore tranese, anche grazie a un patto siglato nello spogliatoio.