Magistrati arrestati, a Lecce udienza al Riesame per il pm Nardi

Magistrati arrestati, a Lecce udienza al Riesame per il pm Nardi

Il Tribunale si è riservato di decidere sulla richiesta di annullamento della misura cautelare

Si è tenuta stamattina, nel palazzo di giustizia di Lecce, l’udienza davanti al Tribunale del Riesame per la richiesta di annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare a carico di Michele Nardi, pm in servizio a Roma, arrestato il 14 gennaio per presunti episodi di corruzione in atti giudiziari, commessi quando era giudice a Trani.

La discussione – davanti al collegio formato dai giudici Silvio Piccinno, Pia Verderosa e Anna Paola Capano – è durata oltre due ore. La pubblica accusa era rappresentata dalla pm Roberta Licci e la difesa dagli avvocati Domenico Mariani e Carlo Di Casola. Sono stati loro a cercare di demolire il castello accusatorio a carico del magistrato, nel quale una parte rilevante è costituito dalle dichiarazioni dell’imprenditore di Corato Flavio D’Introno, coindagato, che ha ammesso di avere pagato tangenti a Nardi e anche all’ex pm Antonio Savasta (oggi in servizio come giudice a Roma), anch’egli arrestato il 14 gennaio, insieme al sovrintendente di polizia Vincenzo De Chiaro.

Nella giornata di ieri la Procura di Lecce ha depositato al Riesame due verbali di interrogatorio di Savasta, che contengono parziali ammissioni delle proprie responsabilità e accuse contro Nardi. Inoltre, un ulteriore verbale di D’Introno (che aveva reso diversi interrogatori in autunno) e quello di un altro imprenditore, che avrebbe pagato tangenti ai due magistrati per ottenere provvedimenti giudiziari favorevoli. Il Tribunale del Riesame si è riservato di decidere sulla richiesta di annullamento della misura cautelare a carico di Nardi, che e’ attualmente detenuto a Matera. Savasta, invece, si trova nel carcere di Lecce.