Un’Apulia decimata soccombe al Grifone: 7-0 in trasferta

Un’Apulia decimata soccombe al Grifone: 7-0 in trasferta

Tante le defezioni, prossimo match contro il Palermo

Un primo match del 2019 da dimenticare per l’Apulia Trani, che nella trasferta di Roma soccombe al Grifone Gialloverde, tra le formazioni più costanti del torneo. Il 7 a 0 finale appare, però, a fronte delle condizioni iniziali della formazione bianco-azzurra, quasi un risultato positivo: mister Preziosa si è ritrovato alle prese, nelle ultime ore prima del match, con un vero e proprio rebus nel reparto difensivo. Già indisponibile il duo centrale composto da capitan Spallucci e Delvecchio per infortunio, oltre a Manzi fuori per squalifica, si sono aggiunti i forfait anche dei due portieri di ruolo Anelli e Sasso, che hanno costretto tra i pali la giovane centrocampista Dinunno e al centro della difesa l’esterno De Marinis.

Una gara già difficile sulla carta si è trasformata in una montagna impossibile da scalare per le giovanissime tranesi, che rimangono ancorate al settimo posto, grazie alle contemporanee sconfitte di Aprilia e Virtus Napoli. Le prossime due gare di campionato, dopo il rinvio del match contro il Chieti a febbraio, vedranno l’Apulia affrontare Palermo e Napoli, rispettivamente al primo e terzo posto del girone. Un inizio dell’anno roccioso, contro cui le ragazze del presidente Scarcella dovranno affilare gli artigli per non trovarsi incastrate in posizioni di classifica immeritate.

 

GRIFONE GIALLOVERDE – APULIA TRANI 7-0

Grifone Gialloverde: Casteltrione, Santoloci, Conti, Antonilli, Sciberras, Falloni, Percuoco, Rossi, Tata, Sgambato, Clemente. A disposizione: De Angelis, Pagano, Saccoman, Semanas, Zangla, Maulicino, Diberardino. Allenatore: Berruti Gianluca

Apulia Trani: Dinunno, Cottino, Spinosa, De Marinis, Saltarelli, Mariano, Ventura, Rucci, Sibilano, Racioppo, Dibenedetto. A disposizione: Calabrese, De musso, Tortosa, Spallucci, Carbone. Allenatore: Preziosa Francesco

Marcatrici: Sgambato, Percuoco, Tata, Clemente, Clemente, Seranaj, Sgambato.