Liste Provinciali, PD Bat: «Basiti di fronte alla poca trasparenza in materia elettorale»

Liste Provinciali, PD Bat: «Basiti di fronte alla poca trasparenza in materia elettorale»

La nota dopo le parole dei rappresentanti del centrodestra “Insieme per la Bat”

I rappresentanti della lista di centrodestra “Insieme per la Bat” hanno manifestano sconcerto per quanto accaduto  durante e dopo la presentazione delle liste. In merito è intervenuto il Partito Democratico della Bat: «Restiamo basiti di fronte alla poca trasparenza in materia elettorale, cardine di qualsiasi sistema democratico – dichiarano -. E’ evidente  una profonda frattura nel centrodestra della Bat che avrà ripercussioni notevoli sul governo della Città di Andria, dimostrando come stia utilizzando queste elezioni per un regolamento di conti interno, infischiandomene del buon governo dei territori. Il centrodestra può continuare con le guerre intestine, ma è giusto che si sappia che a pagarne il prezzo sono le persone di questo territorio che non hanno niente a che fare con le lotte di potere interne ai partiti».
«Ecco i fatti: La scadenza della presentazione delle liste era stabilita per le ore 12.00 di giovedì 11 ottobre. La mattina dello stesso giorno diversi esponenti del centro destra si ritrovano nei corridoi del Palazzo della Provincia e, dopo una indecente gazzarra fatta di urla, spintoni e altro, chiedono ad un dirigente della provincia l’autentica delle firme dei sottoscrittori della lista, delle firme di accettazione delle candidature e del modulo per la presentazione della stessa». Spiegano gli esponenti del Pd Bat.
«Fatte le autentiche, qualche manina provvede, in modo fraudolente, alla cancellazione di un nome dalla stessa e a sostituirlo con un altro, contravvenendo ad uno dei principi cardine delle norme in materia elettorale. La lista viene consegnata in limine mortis, alle 11,59 – continuano -. Subito dopo alcuni sottoscrittori della lista (tre)segnalano la fraudolenta manomissione della lista presentata al responsabile dell’Ufficio elettorale della provincia, che, accertata la manomissione e ravvisando estremi di  reato, provvede ad informare la Procura della Repubblica. Inopinatamente l’Ufficio elettorale della Provincia ritiene, in contrasto con la legge e costante giurisprudenza, di ammettere la lista manomessa, pur essendo venuto meno anche il numero minimo di sottoscrittori necessario alla presentazione della stessa».
«Questi i fatti che dimostrano, in modo incontrovertibile, l’agire politico di certe forze politiche e dei loro rappresentanti. Il richiamo all’unità e alla collaborazione stride fortemente con metodi fraudolenti e con maldestri tentativi di “saldare i conti” anche al proprio interno – concludono -. Il Partito Democratico, che ha presentato la lista il primo giorno, pur auspicando una rapida definizione legislativa del ruolo e delle funzioni delle provincie, continuare ad impegnarsi per assicurare il funzionamento».