Missione compiuta: la Vigor accede alle semifinali di Coppa Italia Dilettanti

Tra la finale e i biancazzurri c’è il Pomezia

Scrive un altro pezzo di storia la Vigor Trani. Perde di misura, soffre, ma alla fine porta a compimento la propria missione. I biancazzurri, infatti, volano alle semifinali di Coppa Italia Dilettanti. È indolore la sconfitta per 1-0 rimediata a Licata nella gara di ritorno dei quarti, giocata sul rettangolo dello stadio “Dino Liotta”. La vittoria per 3-1 dei pugliesi nella partita d’andata, numeri alla mano, fa tutta la differenza del mondo nel computo complessivo della doppia sfida dei quarti e consente agli uomini di Massimo Pizzulli di continuare la propria avventura nella fase nazionale. I siciliani, in formazione rimaneggiata in virtù delle quattro espulsioni rimediate nella prima sfida, partono con l’acceleratore premuto e trovano il gol del vantaggio già dopo un quarto d’ora: l’arbitro, su indicazione dell’assistente, punisce con il calcio di rigore un tocco proibito in area di Monopoli. Dal dischetto si presenta Cannavò che con il destro spiazza Sansonna. Padroni di casa in vantaggio. Il Trani non trema. Anzi, passa subito al contrattacco. E sfiora il pareggio al termine di un’azione insistita: Telera calcia, Trevizan nelle vicinanze della linea di porta salva i suoi. Le due squadre si affrontano senza particolari tatticismi: il Licata attacca, la Vigor difende e riparte con personalità. Il parziale resta invariato sino al riposo: padroni di casa avanti di un gol, ospiti virtualmente qualificati. La ripresa si apre con una rete annullata ai siciliani: la posizione irregolare è di Rizzo, l’autore dell’assist per Taormina. Tutto inutile. Il copione si ripete poco dopo: Tumbarello batte Sansonna con il destro, ma anche in questo caso si alza la bandierina dell’assistente. Il Licata ad un quarto d’ora dal termine va ad un passo dal gol qualificazione, ma il palo salva la Vigor sulla conclusione a botta sicura di Trevizan. Sospiro di sollievo per gli uomini di Massimo Pizzulli, che stringono i denti sino al termine e difendono il gol in più nei 180 minuti sino al triplice fischio. Missione compiuta, dunque. Il Trani è in semifinale, dove affronterà nella doppia sfida l’Unipomezia. L’avventura in Coppa Italia Dilettanti continua. Il sogno chiamato serie D pure.