Pari e patta tra Vigor e Fasano: al “Comunale” è 1 a 1

A Camporeale nel primo tempo risponde Ganci nella ripresa

Pari e patta in quello che era uno dei big match dell’11^ giornata del torneo di Eccellenza pugliese. Vigor Trani e Fasano non si fanno male e, con un gol per tempo, restano aggrappate alla zona alta della graduatoria. Per Pizzulli fuori Lavopa per squalifica e Faccini per infortunio, rosa ristretta e scelte obbligate. Per Laterza, dopo la vittoria di Coppa contro il Casarano, conferma in blocco l’undici sceso in campo giovedì. Unica novità Amodio al posto del match winner Corvino. E sono proprio gli ospiti a partire meglio: al 6′ Serri trova Gennari in area con il centravanti che stoppa di petto e tenta la girata al volo che viene deviata in angolo. Al 10′ è invece il Trani ad andare vicinissimo alla rete con Zambetta che impegna seriamente Pellegrino che deve distendersi sulla sua sinistra per deviare il tiro del giovane tranese. Zambetta diventa decisivo al 19′, quando ruba palla ad Amato e si lancia nello spazio servendo perfettamente in area Camporeale che anticipa Anglani e mette dentro per il vantaggio dei padroni di casa. Al 21′ il Fasano potrebbe pareggiare: Serri serve un pallone d’oro a Gennari che, da buona posizione, manca completamente l’aggancio. I biancazzurri non riescono mai a rendersi pericolosi e, anzi, devono guardarsi dalle veloci ripartenze proprio degli uomini di Pizzulli soprattutto sul settore di destra con uno scatenato Zambetta. Nessun particolare altro sussulto e primo tempo con la Vigor in vantaggio per 1-0.

In campo subito due novità in casa Fasano: fuori Fumarola e Amodio, dentro Richella e Corvino. Una mossa che si rivelerà poi decisiva per Laterza: al 4′ è proprio Corvino a battere il calcio di punizione su cui Ganci trova la zampata vincente sotto porta. Protestano i padroni di casa per un fuorigioco non segnalato dal direttore di gara. 8′ e Richella lancia benissimo Gennari che si divora il raddoppio calciando di sinistro a lato. Al 11′ ancora Gennari non trova la deviazione giusta su un fendente di Serri. E’ un Fasano decisamente diverso rispetto al primo tempo anche se il Trani, si riorganizza, e spegne gli ardori fasanesi. I padroni di casa, tuttavia, restano in dieci per l’espulsione di Telera per doppia ammonizione al 38’. Ultimo sussulto di casa arriva nel primo minuto di recupero con Camporeale a provarci dalla distanza ma la palla finisce sul fondo. Non c’è più tempo e le squadre tornano negli spogliatoi con in tasca l’1 a 1.