Matteo Renzi a Trani: «Il PD unica alternativa ai populismi»

L’ex Premier in Piazza Duomo per presentare il suo libro “Avanti”

«Il Partito democratico ha fatto le primarie per scegliere il proprio candidato premier, il punto però, il senso di questo viaggio, non è buttarla sulle persone ma di ragionare delle idee, dei risultati concreti». Lo ha detto il segretario del Pd, Matteo Renzi, ospite a Trani per la presentazione del suo libro “Avanti”, ai giornalisti che lo hanno incalzato sulla ricandidatura alla guida del Paese. «C’è chi dice che si poteva fare meglio, certo, ma cosa ci propongono gli altri – aggiunge Renzi – a cominciare da Salvini e Grillo, vogliono forse togliere gli 80 euro, vogliono forse licenziare 100.000 insegnanti della buona scuola, vogliono forse aumentare le tasse, portare il canone Rai oltre i 100 euro, levare la quattordicesima ai pensionati, eliminare i sussidi per il lavoro e gli incentivi sul fisco?. Parliamo di cose concrete – ha concluso l’ex premier – che riguardano i cittadini perchè penso che questo viaggio, che oggi ha toccato la meraviglia, la bellezza di Trani, sia non per fare politica politicante, ma per discutere con la gente in mezzo alle persone, in luoghi magnifici della nostra Italia».

Durante la presentazione il segretario del PD ha poi affermato che il Partito Democratico è l’unica forza alternativa al populismo parlando nuovamente di Salvini e Movimento 5 Stelle: «Da un lato – ha spiegato – c’è Salvini, che ha detto che in Corea del Nord ha sentito un senso di comunità, come a casa sua, ma come si sente a casa sua Salvini, aiutiamolo a casa sua! Dall’ altro lato – ha aggiunto l’ex presidente del consiglio – hai altri statisti a cinque stelle, preparati in politica estera, Di Battista ha detto che Napoleone ha combattuto ad Auschwitz ma queste cose vengono cancellate e nessuno ne parla più». Poi lo stesso Renzi ha parlato delle primarie interne al Movimento 5 Stelle, ironizzando sul risultato: «Vedremo come andranno queste primarie sul filo dei voti, ci vorrà il fotofinish e poi vengono a dire a noi, che portiamo due milioni di italiani ai gazebo, cos’è la democrazia».

In chiusura l’ex Premier ha voluto ribadire tutta la fiducia a Gentiloni ed al suo Governo: «Noi siamo una squadra e come squadra forte e credibile prenderemo per mano questo paese e lo porteremo avanti – ha detto Renzi, chiudendo l’incontro – Alle camicie verdi rispondiamo che o questo Paese lo cambiamo noi o nessuno».